Close

CONSIGLI PRATICI PER LA SCELTA DI CARTE DA PARATI

DOMANDE E RISPOSTE ….

Abbiamo una ampia gamma di disponibilità sulle carte da parati.
Fibra di vetro, Tessuto Non Tessuto (tnt), carte viniliche, poiché ognuna di queste carte ha una specifica ben precisa, in questo modo riusciamo a coprire una ampia gamma di soddisfazioni e locali. Tutte le nostre carte sono seguite da un certificato con tutte le caratteristiche in normativa alle specifiche 13501 per il settore edilizio.

 

 

Tutte le carte hanno queste caratteristiche comuni:
• INASSORBENITI
• INODORE
• LAVABILI CON ACQUA E SAPONE NEUTRO
• ELEVATA STABILITA’ DIMENSIONALE DURANTE LE FASI DI APPLICAZIONE.

 

LE DOMANDE CLASSICHE, ALCUNI CONSIGLI PRATICI.

Cose da Sapere e domande classiche sul posizionamento delle carte da parati
Quando si crea la voglia e la necessità di ricorrere alle carte da parati, rispetto ad una pittura murale, spesso vengono alcuni dubbi, pertanto facciamo un po di chiarezza. Sono tutti dubbi assolutamente legittimi, ma non tutti sono molto chiari, forse per la scarsa conoscenza del prodotto, cercheremo di dare maggiori informazioni su questa tipologia di prodotto

 

IL MURO RESPIRA CON L’APPLICAZIONE DELLE CARTE DA PARATI?
L’ idea che il muro respiri al 100% è inesistente, in quanto per avere un muro totalmente traspirante si dovrebbe lasciare lo stesso grezzo, ovvero fatto di mattoni o di pietra, senza l’ aggiunta di malte o calcestruzzo. Oppure prevedere la costruzione del muro in paglia o legno. Con le odierne costruzioni il muro respira molto meno, ma non è il problema del muro a dovervi preoccupare, poiché la creazione di eventuali muffe può insorgere con o senza la presenza delle carte, la migliore regola da adottare, è quella di aprire le finestre ogni giorno. E’ utile anche sapere che un muro rivestito con carta da parati, respira più o meno come un muro tinteggiato.

Non c’è una grossa differenza tra le due soluzioni a livello di traspirabilità.

In italia la idropittura detta anche pittura lavabile è comparsa a metà degli anni 70 senza avere adeguati controlli sulla nocività se è scoperto molto dopo che molte di queste pitture contenevano piombo e sostanze volatili dannose.


Poi c’è da considerare sempre un fattore di percentuale, l’idea di arredare con una carta da parati, normalmente avviene nella riqualificazione di una o due pareti nella stanza, difficilmente possiamo incontrare stanze ricoperte al 100% da carte da parati.

Avere un muro che respira adeguatamente è importante, ma se ci pensiamo è molto più importante avere dei prodotti che non rilasciano sostanze tossiche.

AMBIENTE CARATTERIZZATO DA ARIA PURA, ED ARIA SANA.
La certificazione della qualità dell’ aria interna agli ambienti è in vigore in molti paesi europei, ma non lo è ancora in Italia.  Questa certificazione viene rilasciata dopo aver eseguito dei test per verificare che il prodotto  non rilascia sostanze volatili (VOC o COV) nell’aria. E’ una certificazione ancora poco trattata perchè l’argomento è scarsamente conosciuto. Inoltre la qualità dell’aria non si può vedere, le sostanze volatili sono aeree e trasparenti, sono allo stato gassoso e non percepibili dall’occhio umano, ma dai nostri polmoni e dall’organismo sono perfettamente avvertite e danno luogo a problematiche di salute.

Tutte la Nostra produzione, e tutti i nostri inchiostri sono certificati dalla certificazione in classe A+ delle sostanze volatili sulla produzione delle carte da parati.

UMIDITA’ PUO’ ESSERE UN PROBLEMA?

L’umidità puo’ rovinare sia il rivestimento sia la pittura. Con una buona carta da parati, il muro resterà sicuramente piu’ compatto, ma comunque se sulla parete esiste un problema di umidità occorre consolidare il problema e trovare una soluzione. Esisitono dei prodotti isolanti o dei prodotti per il trattamento delle situazioni di umidità da applicare alla parete, sono prodotti isolanti che risolvono in gran parte e con efficacia il problema della muffa da condensa che di umidità. Il conisglio che dove esistono dei problemi di umidità le colle da preparare per la parete devono avere un potere collante piu’ alto, e consigliamo di addizzionarle con una colla come la OVALIT della Metylan. Una ottima soluzione per risanare i vecchi muri è quella di utilizzare Depron sotto la fibra di vetro.

Per maggiori consigli non esitate a contattarci. – Lo Staff di Estra